sabato 21 marzo 2015

Arista di maiale con mele e uvetta

Memore del successo avuto con gli spiedini di filetto di maiale al forno, ho voluto replicare l'esperienza con questo piatto in cui il contrasto dolce-salato risulta particolarmente equilibrato e molto gradevole.

Ingredienti:
  • Un pezzo di arista di maiale da 700 g circa
  • 3 mele dalla polpa soda e compatta (Pinova Val Venosta)
  • 1 cipolla rossa piccola
  • 4 cucchiai di uvetta sultanina
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 1 noce di burro
  • sale e pepe


Essendo piuttosto tardi, ho fatto una preparazione  semplice e veloce.

Distribuisco sale e pepe sulla superficie della carne, la massaggio per fare aderire bene, e poi comincio a sigillarla facendola rosolare in tegame per pochi minuti con un poco d'olio e una noce di burro.
La sigillatura è una pratica molto importante perché impedisce la fuoriuscita dei succhi dall'interno, mantenendo la carne molto morbida. Naturalmente è importante usare due cucchiai per rigirare la carne in modo da non bucare mai la superficie con la forchetta.
La sigillatura va fatta su tutti i lati e la carne va rigirata soltanto quando il fondo si stacca facilmente dal tegame senza opporre resistenza. Terminata questa operazione preliminare, la trasferisco in una terrina mantenendola al caldo (vicino ai fornelli).




Nel tegame dove avevo messo la carne faccio rosolare brevemente una piccola cipolla tagliata a fettine sottili. Aggiungo quindi un pizzico di sale e le mele non sbucciate e tagliate a tocchetti, che faccio ammorbidire per alcuni minuti insieme a un cucchiaino di cannella.

Rimetto la carne sul tegame insieme alle mele, alzo il fuoco e verso un bicchiere di vino bianco. Quando il vino è parzialmente evaporato, aggiungo qualche cucchiaio di uva sultanina, quindi chiudo il tegame con il coperchio e continuo a cuocere a fuoco medio-basso per una quarantina di minuti circa.
Girare 2 o 3 volte ed bagnare la superficie con il sughetto che si sarà formato sul fondo.




A cottura ultimata, dopo una quarantina di minuti circa, spegnere il fuoco e lasciare riposare per qualche minuto.

Tagliare l'arista a fette non sottilissime, disporle sui piatti di portata e condirle con le mele e l'uvetta al profumo di cannella.




La carne è risultata tenerissima e facile da tagliare, grazie forse alla sigillatura risultata particolarmente efficace; il sapore era molto delicato e gradevolmente speziato.




34 commenti:

  1. Uhhh caro Andrea questo arrosto lo faccio spessissimo anche io ...solo che alla fine frullo tutte le mele col sugo dell'arrosto...so' quanto e' buono e tu sei stato straordinario...bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me la immagino la bontà della salsina alle mele sull'arrosto. Meno male che il tuo periodo nero sia passato! Tanti auguri cara Cinzia

      Elimina
  2. Andrea anche noi a casa adoriamo il sapore dolce-salato di questa preparazione... lo hai eseguito in maniera magistrale! un bascione e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli ingredienti ce li avevo tutti, mi mancava solo il tempo. Però è venuto tutto molto bene! Un abbraccio

      Elimina
  3. Ciao Andrea,
    non sono un'amante (ahimé!) del contrasto dolce/salato mai questa preparazione mi ispira molto! Di sicuro il profumo sarà favoloso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il piatto era profumatissimo, ma anche i diversi sapori erano ben equilibrati! A presto

      Elimina
  4. Buonissima!! Amo il contrasto dolce-salato, quindi per me questo piatto è super!!
    Buona Domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! A me i piatti dai sapori contrastati non piacevano... finché ho cominciato ad assaggiarli! Ed è stato subito amore :-)

      Elimina
  5. Eh, gli accostamenti dolce-salato sono fenomenali^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono molto! Ciao

      Elimina
  6. Bellissima questa carne, ha un aspetto invitante e succulento. La cottura è perfetta. Deve essere stato tenerissimo. Ho l'acquolina anche adesso che è ora di merenda ... altro che te e biscotti!
    Ciao buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi immaginare la sorpresa che ho avuto quando ho cominciato ad affettarla: sembrava burro, tanto era morbida e succulenta! Del sapore non te ne parlo! Baci

      Elimina
  7. Beh ho latitato un pò ma mi consolo perchè era reciproco (sorrisone).
    A parte questo piatto gustossimo ma maritozzo se ci metto le mele chiede il divorzio, molto buona l'ombrina al sugo ed anche i gnochetti sardi salvo che i pomodorini freschi poi cotti non vanno per me stranamento i barattoli ok questi cotti freschi mi richiamano la gastrite nemmeno il medico ci ha capito qualcosa. Per fortuna che i pomodorini esistono anche in scato (sorrisone grande). Bravissimo ormai te l'ho gia detto devi togliere principianti. Buona domenica e buon compleanno anche se in ritardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, mi fa piacere risentirti. Mi ricordo che con i pomodori freschi non hai un buon rapporto, solo in scatola! Però sono buoni anche quelli! Ma tuo marito l'ha mai assaggiata la carne arrosto con le mele? A volte si hanno dei pregiudizi e magari certi piatti non si sono neanche mai assaggiati Un abbraccio

      Elimina
  8. Un arrosto delizioso, complimenti anche per la presentazione ;)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Veleria, è stato un piatto insolito che ci è piaciuto molto! Ciao, a presto

      Elimina
  9. un piatto veramente perfetto !!!
    a presto

    RispondiElimina
  10. Ciao Andrea,ho visto il tuo commento da me e sono qui per un saluto!Non ho bisogno di dirti quanto mi piace questo piatto,sai che qui in Inghilterra maiale/mele e' un binomio quasi indissolubile!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edith, mi fa tanto piacere risentirti! Da noi, lo sai bene, l'abbinamento maiale/ mele è abbastanza apprezzato ma poco diffuso. A me piace moltissimo! Un caro abbraccio

      Elimina
  11. Mi piace molto la frutta nei salati... squisito questo piatto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io lo apprezzo molto! L'acidità della frutta compensa perfettamente il grasso della carne!

      Elimina
  12. Quanto mi piace il maiale abbinato alla frutta! Un piatto veramente succulento!! Buona settimana Andrea un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La frutta col maiale ci sta benissimo! Buona settimana anche a te!

      Elimina
  13. dalle foto sembra davvero ottimo! Una ricetta insolita e dal gusto particolare per cucinare il maiale! Mi piace. Bravo bravo Andrea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una ricetta insolita ma piacevolissima ! Bacioni

      Elimina
  14. Andrea devi sapere che l'arista è un taglio di carne che amiamo particolarmenete.. e che ben si sposa con i sapori fruttati e dolci.. La tua deve essere proprio buona!!! buon lunedì :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi è piaciuta davvero tanto! A presto

      Elimina
  15. buonissima!!! mi piace molto cucinata cosi, la proverò ;)
    buon inizio settimana Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piacciono i sapori agrodolci dovrebbe piacerti, è un piatto sfiziosissimo! Ciao

      Elimina
  16. Il contrasto dolce-salato mi ha sempre conquistata! Sicuramente proverò anche la tua ricetta! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dolce-salato, da quando l'ho provato, ha conquistato anche me e mi piace tantissimo! Baci

      Elimina
  17. A me questo piatto rimanda ai sapori ed ai profumi della montagna. E quando io parlo di montagna, ciò che visualizzo sono le mia amate Dolomiti dell'Alta Badia. Questo piatto meraviglioso dagli irresistibili contrasti ne è, per me, un perfetto omaggio.
    Delizioso, Andrea.
    Un caro abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, mele e maiale fanno venire in mente la montagna. Ma anche in città il piatto è gradevolissimo. Come dici tu, il contrasto di sapori è irresistibile! Un abbraccione

      Elimina