domenica 13 ottobre 2013

Fagioli Azuki ...e la grande soddisfazione

Dopo un lungo periodo di stasi culinaria, mi sono deciso di invitare ospiti a pranzo, e tra questi c'era il solito vegetariano.
Siccome mi piace sperimentare, ho cercato di preparare qualcosa di semplice, come è nel mio stile, ma anche di insolito per un pranzo in un giorno di festa.

E allora per primo piatto niente pasta, ma minestra di farro preparata con un buon brodo vegetale.
Prima potrei fare degli stuzzichini che si potranno mangiare anche rimanendo in piedi. Allo scopo i tartufini al formaggio (vedi qui) dovrebbero andare bene, magari accompagnati da un buon prosecco fresco.
Come secondo piatto farò i bocconcini di pollo alla birra con patate e spezie (qui).
E per il vegetariano? Per lui potrei fare dei fagioli rossi da mettere sopra una bruschetta di pane casareccio, insieme a delle patate al forno. L'acqua di cottura dei fagioli, opportunamente insaporita con vari tipi di odori, la potrei usare per fare la minestra di farro come ho già fatto qualche tempo fa (qui).

Purtroppo i fagioli rossi non li ho trovati e li ho sostituiti con un altro tipo di legume colorato di rosso: i "fagioli Azuki" (che io non avevo mai mangiato).



I fagioli Azuki, piccoli e di colore rosso scuro, sono molto diffusi in Giappone e nei paesi dell'estremo oriente, dove vengono spesso macinati e bolliti con lo zucchero, in modo da formare una purea dolce, che a sua volta è la base di numerosissime ricette.
In Italia non sono molto conosciuti ma il loro consumo è in aumento grazie all'interesse sempre crescente verso la cucina macrobiotica e in generale verso i prodotti provenienti dal Giappone e dall'Oriente.
I fagioli Azuki sono preziosi alleati della nostra salute perché hanno un alto contenuto di sali minerali ed oligoelementi come potassio, zinco, molibdeno e ferro, quest'ultimo particolarmente prezioso per chi soffre di anemia e per tutte le persone che ne sono potenzialmente carenti, come ad esempio i vegetariani e i vegani. Sono poi naturalmente ricchi di vitamine del gruppo B (tra cui acido folico), fibre e proteine. Aiutano la formazione di enzimi utili al fegato e hanno proprietà depurative e diuretiche, dunque sono anche alleati dei nostri reni.

Questi piccoli fagioli sono buoni, facilmente digeribili, poveri di grassi e inoltre contengono isoflavoni, sostanze in grado di mantenere in buona salute il nostro sistema immunitario, il cervello e le ossa.

Seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, li lavo accuratamente e li tengo in acqua per tutta la notte.
La mattina seguente, dopo oltre 8 ore di ammollo, questi fagioli non si erano minimamente rigonfiati. Leggo poi che vanno cotti per circa 90 minuti da quando l'acqua comincia ad alzare il bollore. Per non stare troppo a lungo sul fuoco, decido di usare la pentola a pressione: ci butto 350 g di fagioli e aggiungo acqua fino a coprirli per 3 - 4 dita. Appena la pentola comincia a fischiare, abbasso il fuoco e lascio bollire dolcemente per 35-40 minuti. Quando è il momento, spengo e lascio raffreddare per una decina di minuti. Quindi tolgo il coperchio ... e scopro che i fagioli hanno assorbito tutta l'acqua di cottura!



Perciò niente brodo rosso per lessare il farro. Pazienza, farò il solito brodo vegetale e poi ci cuocio il farro, che per inciso era decorticato e non perlato (quindi, anche questo richiede una cottura lunga previo ammollo di alcune ore).
La minestra viene ottimamente. Servo la minestra e porto a tavola una ciotola con i fagioli in modo che ogni commensale, secondo il proprio gusto, potesse aggiungerne a proprio piacimento.



Idea fantastica: la minestra di farro con i fagioli Azuki ha un sapore particolare, insolito e molto gradito da tutti (alcuni fanno il bis, e anche il tris).

Naturalmente questi fagioli, così densi e pastosi, non potevano essere conditi e usati per la bruschetta del vegetariano: mi dovevo inventare un piatto alternativo!

Ho pensato allora alla ricetta dell'MTChallenge di questo mese (che dovrò realizzare anch'io) che prevede, tra le altre cose, la preparazione delle "uova Benedict".
Questo piatto consiste nella preparazione di alcune uova in camicia da mettere sopra degli 'English Muffins', già insaporiti con fettine di bacon o di prosciutto arrostito, da irrorare poi con una salsa.
Perfetto! Posso fare qualcosa che gli somiglia ma, per rimanere sul vegetariano, metterò i fagioli Azuki al posto del bacon (per la sfida dell'MTC seguirò invece la ricetta canonica, indicando con precisione ingredienti e dosi).
Gli English Muffin li sostituisco con dei comuni panini da dessert che compro dal fornaio (non ho proprio il tempo di farli in casa).

Faccio quindi una specie di 'salsa olandese' usando 2 tuorli d'uovo, limone, sale e burro fuso che faccio addensare in una specie di bagnomaria (il recipiente non deve toccare l'acqua in ebollizione).



Divido i panini a metà e li abbrustolisco su una padella resistente alle alte temperature appena unta con una mollica di burro.

Faccio poi le uova in camicia (mai fatte prima). Per fortuna le uova erano freschissime e l'albume rimane ben attaccato intorno al tuorlo. Esperimento perfettamente riuscito! Raccolgo le uova con una mestola forata e le adagio su di un foglio di carta da cucina.

Quando è il momento di servire, dispongo i mezzi panini sul piatto, ci metto sopra qualche cucchiaiata di fagioli caldi, le uova in camicia che ho fatto rinvenire ributtandole per qualche secondo nell'acqua in ebollizione, ed infine la salsa al limone, che però purtroppo si era nel frattempo addensata un po' troppo. Aggiungo una macinata di pepe nero, qualche granello di pepe rosso per guarnizione ... e il piatto è pronto!




.... e la grande soddisfazione di cui al titolo?
Sono le parole di mia figlia che, dopo aver visto (e mangiato) antipasti al formaggio, minestra di farro con fagioli Azuki, pollo alla birra, patate arrosto, uova alla Benedict con salsa e fagioli, frutta e dolce di riso, ha esclamato che ormai i miei pranzi sono diventati di alta cucina!
Detto da lei che non è portata ai facili complimenti, ma al contrario nella sua obiettività sa essere molto critica, è per me una gran bella soddisfazione!

(...ma che gran fatica fare tutto!)


64 commenti:

  1. Bravisssimo Andrea sei riuscito a lasciare esterefatta tua figlia ,e NON SOLO....questa pietanza mi piace e mi incuriosisce !!!! ciaoooo carisssimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, io non avevo comunicato il menu (che d'altronde avevo cambiato in corso d'opera) e quando ha visto queste pietanze ha manifestato il suo più pieno compiacimento. Un grande piacere per me!

      Elimina
  2. Sai cosa mi piace di più di questo post? L'amore che leggo tra le righe, la gioia di cucinare e di fare per gli altri. Questo è bellissimo.
    Un abbraccio Andrea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Michela, hai ragione: questo pranzo l'ho fatto per divertimento! Ma quando in corso d'opera ho dovuto cambiare menu perché non avevo ottenuto quello che mi aspettavo, niente panico, ho provato a fare qualcosa di originale ed insolito. Panico no, ma tanta ansia fino alla fine perché non avevo idea di cosa uscisse fuori! E anche una gran fatica, ampiamente compensata dal gradimento generale. Ciao

      Elimina
  3. condividere è la maggior soddisfazione, se poi il bis e tris!!
    grande Andrea, altro che cucina per principianti qui!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche mia figlia ha detto che ultimamente da me si gustano solo piatti di alta cucina. Ma io conosco bene i miei limiti e so la fatica che faccio per fare cose che un esperto farebbe in quattro e quattr'otto. Diciamo che mi piace provare cose nuove e propinarle ai miei parenti! Un caro saluto

      Elimina
  4. Beh, se non sono soddisfazioni queste!!
    Bravo Andrea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una soddisfazione enorme, ma anche parecchia ansia e fatica perché non sono abituato a fare tante cose! Però sono rimasto molto contento. Un abbraccio

      Elimina
  5. Cavolo Andrea che cose spettacolari!
    Ne ho sempre sentito parlare di questi Azuki, ma non li ho mai trovati ne provati, prenderò spunto da qui grazie Andrea.
    e complimenti davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto gustosi ed hanno un sapore particolare, appena tendente al dolciastro; per questo stavolta ho un po' abbondato con il sale. Ciao

      Elimina
  6. Ciao Andrea, io purtroppo non mangio i legumi che mi fanno stare male, però complimenti per la pazienza!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la solidarietà, cara Melinda! Sì la pazienza, che non è proprio nelle mie corde, ne ho dovuta mettere parecchio, insieme anche a una discreta dose di temerarietà, nel preparare cose che non avevo mai fatto prima. Baci

      Elimina
  7. Ciao Andrea,
    ma che bella idea hai avuto per il tuo ospite vegetariano ;)
    inoltre con questo post ho scoperto tante cose sui fagioli azuki che non sapevo quindi grazie :D
    buona giornata a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa tanto piacere averti dato l'opportunità di accrescere il tuo bagaglio di informazioni. Buona giornata cara Audrey!

      Elimina
  8. I fagioli Azuki sono i preferiti di Doraemon!! XD
    Diciamo che io preferisco quelli messicani, però ottima scelta!
    Insomma Andrea, complimenti... ottimo pranzo sicuramente... anche ottimo per l'inizio dell'autunno (farro, formaggio, bruschettine) perché ancora abbastanza light :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti questo manga giapponese li mangia di sicuro perché in Giappone ci fanno di tutto, anche la farcitura dei dolcetti 'Mochi' che mia figlia mi ha riportato dal suo viaggio in quel meraviglioso paese. E grazie per i complimenti, che fanno sempre piacere! A presto

      Elimina
  9. Bravissimo!! un gran lavoro però il risultato è eccellente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fragolina! Per me che non ci sono abituato, fare tutte quelle cose è stato veramente un gran lavoro, però il risultato è stato più che soddisfacente. Un abbraccio

      Elimina
    2. Ciao Andrrea. complimenti per tutte lepietanze preparate. e poi la soddisfazione dell'apprezzamento di una figlia non ha proprio prezzo. non conoscevo questi fagioli e le loro proprietà, penso che li proverò. Bravo e a prezo. Franca

      Elimina
    3. Ciao Franca, per me che non cucino spesso preparare tutta quella roba è stata una bella fatica, che però è stata abbondantemente ripagata dall'apprezzamento di mia figlia! Un abbraccio

      Elimina
  10. Beh riceve i complimenti da una persona che non è facile a farli, è una grande soddisfazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mia figlia non è affatto incline ai complimenti. Ma se dice che una cosa va bene devi crederle! A presto

      Elimina
  11. Ha ragione tua figlia!!!! sei stato bravissimo!!! sei bravissimo e soprattutto molto attendibile!ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre ai complimenti di mia figlia, anche le tue belle parole mi riempiono di gioia. Grazie cara Annalisa e buona giornata!

      Elimina
  12. Bellissimo sito !! complimenti mi sono unita molto volentieri al tuo gruppo , se ti va passa da me…
    http://alelablogger.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra, certo che passo da te! A presto

      Elimina
  13. Io sono vegetariana, questo è il piatto per me! tra l'altro i legumi fanno anche bene per compensare la carenza di ferro di chi non mangia carne :)
    Ti aspetto da me per un saluto se ti va...
    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e poi proprio questo tipo di legumi sono particolarmente ricchi di ferro ed altri sali minerali. Ti vengo subito a trovare!

      Elimina
  14. Come al solito leggo tanti complimentooooni da altretante signore e signorine (e qualche signore). Io adoro il mangiare anche perchè il cibo è cultura pura, è la storia raccontata in bocca.
    Volevo dirti che i fagioli rossi, ma soprattutto quelli neri, sono usate in Brasile per preparare la FEIJOADA (da "feijao" = fagioli) che è una delle cose può buone che abbia mangiato. Era, paradossalmente, il mangiare degli schiavi delle piantagioni perchè si preparava con gli avanzi degli avanzi.
    I fagioli piccoli rossi, invece, li usano in centroamerica per preparare un purè che spalmano sulle tortillas (fatte con la farina di mais). E' molto buono ma me li facevano mangiare tutti i giorno, mezzogiorno e sera, per cui non ne potevo più.
    Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo abbraccio Beti Piotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chettepossino! Più leggevo il tuo commento e più mi domandavo chi fosse questo esperto di fagioli americani ... e solo alla fine vedo il nome! Bentornata e felice di risentirti! Ciaooooo

      Elimina
    2. io invece stasera mangio i ceci neri, una varietà riscoperta in Italia abbastanza di recente.

      Confesso di essere ricapitata qui perchè sapevo del commento di Beti. ;-)

      A proposito di commenti, complimenti, ne hai 40/60 ogni post, sei un divo!!!

      ;-)

      Elimina
  15. Bravo..hai preparato dei fagioli squisiti!!
    A vederli mi viene voglia di prepararli per domani.
    Un abbraccio e buona serata.
    Incoronata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi erano un po' insoliti, ma in fondo sempre fagioli sono!

      Elimina
  16. adoro i legumi, e i fagioli in particolari: confesso di comprarli già lessi, magari di buona marca, però quelli cotti in casa sono davvero un'altra cosa, devo prendere esempio da te!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io i fagioli li prendo quasi sempre in scatola (troppo comodo), ma fatti in casa hanno veramente un altro sapore! Buona notte!

      Elimina
  17. Ciao Andrea, hai fatto un pranzo incredibile ... pieno di piatti particolari!!! Sei diventato Bravissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era tanto che non avevo ospiti e stavolta avevo voglia di divertirmi! Ma che fatica...

      Elimina
  18. complimentissimi !!!!!tua moglie sarà felice di avere un cuoco così bravo...il mio maritino è bravissimo in tante cose ma in cucina .....be lasciamo perdere !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però ci stai tu che in cucina sei una maga! Un abbraccio

      Elimina
  19. Adoro i fagioli e tu sei bravissimo, Andrea! Una preparazione gustosa e sana. Due caratteristiche non semplici da abbinare.
    Un abbraccio e buona serata!
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona, ho solo cercato di fare del mio meglio! Baci

      Elimina
  20. wow che pranzo! bravissimo! se poi i complimenti arrivano anche dai figli allora valgono il doppio! buona giornata, ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così: loro sono prontissimi a criticare, ma per i complimenti devi faticare parecchio!

      Elimina
  21. Woooow che bel piatto creativo! io ho ricevuto in regalo dei dolcetti giapponesi a base di azuki una volta... una bontà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i dolcetti Mochi che mi ha portato mia figlia hanno la farcitura di azuki! Ma se proprio devo essere sincero, così mollicci e poco dolci non è che mi hanno entusiasmato... ma ad altri sono piaciuti molto! Un abbraccio

      Elimina
  22. Quante cose buone hai preparato ! Bravo!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna che in cucina mi ci metto saltuariamente: dopo un giorno e mezzo di preparazione mi sono dovuto prendere qualche giorno di riposo, ah ah ah! Però sono rimasti tutti soddisfatti, io per primo!

      Elimina
  23. ottimo pranzo, i fagioli azuki li ho usati tanto tempo fa la tua ricetta mi ha fatto venire la voglia di riutilizzarli grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stata la prima volta. Li ho trovati molto buoni e delicati, ma vanno mangiati con moderazione perché possono dare qualche effetto 'aereo'.

      Elimina
  24. Cominciare con un'idea e concludere con un'altra, questa è la cucina!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvietta! A parte la fatica per fare tutto, questo pranzo mi ha divertito e tenuto in ansia perché fino all'ultimo istante non riuscivo a capire come stavano andando le cose. Poi, di cambiamento in cambiamento, è venuta fuori questa roba niente male che io neanche mi immaginavo! Un abbraccio

      Elimina
  25. Sembra tutto squisito e da come descrivi si nota la cura che ci hai messo nel prepararlo; ma tra tutto, mi viene voglia di essere vegetariana anch'io per poter ricevere come "piatto alternativo" quella fantastica versione che hai fatto delle uova benedict! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu pensa che queste le ho programmate all'ultimo momento, quando ho visto che i fagioli non si potevano condire ad insalata per farci la bruschetta! Mi sono buttato alla ventura ed è uscito un piatto niente male! Ciao

      Elimina
  26. ma sai che da tempo ho un sacchetto di fagioli azuki e non ho ancora trovato un'idea per provarli???
    prenderò punto da te :)
    e ora..aspettiamo la ricetta per l'mtc!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a farle come ti pare perché sono molto buone... però se non sei abituata a mangiare legumi ... attenta all'effetto fagiolo!!! (magari non ti ci ingozzare)

      Elimina
  27. Complimenti!!!! Io gli azuki ancora non li ho mai provati...cercherò di rimediare, magari iniziando dalla tua ricetta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vanno provati sicuramente, però la prima volta vanno mangiati in quantità non esagerata (vedi risposta sopra).

      Elimina
  28. Bravissimo, io i fagioli azuki rossi o verdi li conosco ma se devo dire non mi piacciono tanto. Ogni tanto faccio qualcosa con loro per i miei. I tuoi manicaretti buoni ma a casa mia il pistacchio non va e il farro a marito piace ma sotto forma di pasta al farro per il resto mmmmmmmm. Siamo arrivati al cous cous, al bulgur ogni tanto come contorno a verdure o anche a pesce ora proseguo nelle prove. La minestra di farro piace a me e qualche volta la faccio.
    Bravoooo ancora 10+ e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, vedo che anche a te piace sperimentare cose nuove. Poi non è detto che piacciano, però intanto sai come sono! Un abbraccio

      Elimina
  29. Ma che bella idea usare i fagioli azuki per le uova alla Benedict. Mi piacciono tutti i legumi ma gli azuki non li ho mai mangiati. Mi hai fatto venire voglia di provarli. Complimenti Andrea, condivido quanto detto da tua figlia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, non vi fate illusioni: i piatti di alta cucina qui si fanno moooolto raramente! Ma quando capita nessuno li disdegna! Baci

      Elimina
  30. grazie per aver pensato anche noi vegetariani, lo fanno davvero in pochi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ragazzo di mia figlia è vegetariano e ci devo pensare per forza! Ma è stato piacevole scoprire un modo di cucinare a me sconosciuto fino a poco tempo fa!

      Elimina
  31. Da vegetariana, anzi vegana, apprezzo la ricetta! Complimenti! Grazie per essere passato dal mio blog! :)

    RispondiElimina