lunedì 13 maggio 2013

Roma: Bella e Impossibile!


Non è un caso se mi vedo costretto a parafrasare la nota canzone di Gianna Nannini: amo Roma, la meravigliosa città in cui sono nato ed in cui vivo, ma la odio anche perché diventa sempre più impossibile viverci.
Da buon pensionato, la domenica evito di fare la gita fuori porta per non rimanere intrappolato nel traffico e preferisco fare il turista, prendere l’autobus e andare alla ricerca di uno degli infiniti luoghi meritevoli di una visita.
Due settimane fa volevo andare a S. Clemente, basilica del XII secolo poco distante dal Colosseo, ricca di mosaici e affreschi antichi, che sorge sopra una precedente basilica gravemente danneggiata attorno al mille, che a sua volta era stata edificata sopra un’antica domus romana.
Giunto a metà strada, aspetto per oltre un’ora un autobus che andasse verso il centro; poi, visto che l’attesa si prolungava eccessivamente, rinuncio e me ne torno indietro: giornata buttata via! Giunto a casa, ho saputo che c’era stata una sparatoria davanti a Montecitorio ed il passaggio dei mezzi pubblici era stato gravemente rivoluzionato.

Oggi decido di andare a vedere la mostra del Tiziano alle Scuderie del Quirinale. Come al solito anche oggi decido di prendere i mezzi pubblici.
Passata la solita confusione attorno a San Pietro per il grandissimo afflusso di pellegrini in visita al Papa Francesco, l’autobus cambia improvvisamente percorso perché tutti i ponti sono bloccati dalla polizia municipale: impossibile attraversare il Tevere e tutto il traffico viene incanalato sul lungotevere. C’era la ‘marcia per la vita’, organizzata dal movimento Pro Life, contro la legge 194 che regola l’aborto. Pazienza, ho pensato, arriverà a Piazza Argentina passando per ponte Garibaldi. E invece no! Lì c’era un’altra manifestazione (questa non autorizzata) in ricordo dell’uccisione di Giorgiana Masi (avvenuta nel lontanissimo 1977) ad opera di un poliziotto, mai individuato, durante uno scontro tra contestatori in una manifestazione non autorizzata e le forze di polizia che tentavano di contrastarli. Il traffico aumenta sempre di più e così, alla prima fermata utile, scendo e proseguo a piedi.
Arrivo finalmente al Quirinale e, dopo un po’ di attesa in fila, riesco ad entrare. Per la prima volta usufruisco della riduzione over  xx (diciamo senior): 9,50 invece di 12 euro. Con i soldi risparmiati affitto il telefono con l’audioguida della mostra: ottima scelta! La mostra è bellissima e consiglio caldamente di vederla.
Facendosi ormai tardi, decido di fermarmi alla sala ristoro: il buffet sul tavolo mi sembra molto ricco e vario; chiedo quali sono le regole della casa. Per 15 euro posso prendere acqua minerale e tutto quello che voglio quante volte voglio! Bellissimo, mi piacciono queste regole. Con 20 euro ti danno anche il vino e il caffè, ma no vada per i 15 euri! Ho preso vari tipi di pasta e riso in insalata ed un cous cous niente male! Poi insalate di mare, di pesce, melanzane alla parmigiana ed un ottimo vitel tonné. Chiudo con una macedonia di frutta fresca, soda e poco zuccherata come piace a me, ma non faccio in tempo a prendere la mousse al cioccolato che finisce troppo presto.
Ma va bene così. Mi chiedono se voglio il caffè, io acconsento... e lo pago ben 3 euro (un quinto di tutto il pranzo...!).
Quando esco dalle Scuderie c’era il cambio della guardia. A casa mia il Quirinale lo chiamavano Palazzo Reale perché mio nonno era corazziere ed ha servito l’ultimo re d'Italia e la regina che vi abitavano (per inciso, mia madre è nata nel palazzo reale ed è vissuta per molti anni nella così detta ‘manica lunga’, dove erano situate le abitazioni del personale in servizio).




Il cambio della guardia è stato molto suggestivo ed era presente anche la banda musicale che poi si è fermata sul piazzale a suonare alcuni pezzi caratteristici.



Sono tornato a casa nel tardo pomeriggio molto contento, ma che fatica riuscire a fare tutto! A Roma i tempi sono sempre molto dilatati, non devi avere fretta e, soprattutto, devi essere pronto a sopportare gli imprevisti che ormai sono diventati fenomeni di routine.! Cara Roma, ti odio ... ma quanto ti amo...!
(oggi niente ricette)

32 commenti:

  1. Buongiorno Andrea...in questo momento sto ascoltando la stessa canzone della Nannini su RTL 102.5
    Buona giornata
    Patrizia di Cucina con Dede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Nannini è una delle mie cantanti preferite e le sue canzoni mi danno una certa carica! Buona giornata anche a te

      Elimina
  2. Ciao Andrea! ma che bello tuo nonno corazziere per il re e tua mamma nata nel palazzo reale! che storia affascinante! certo tre euro un caffè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio nonno mi ha raccontato un sacco di storie di quando stava con la regina Maria Josè; diceva che nonostante il rango era un'ottima donna di casa che si dedicava spesso alle faccende domestiche! Quante altre cose vorrei chiedergli oggi...

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ciao Selene, Roma non finisce mai di meravigliarti, in senso positivo e qualche volta, purtroppo, anche in senso negativo! Un abbraccio

      Elimina
  4. Ho sorriso leggendo il tuo post. Hai ragione, ma non si può che amarla.
    San Clemente è bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la solidarietà! Se poi abiti in periferia il disagio aumenta esponenzialmente (ma oggi chi abita al centro?). Un bacio

      Elimina
  5. Roma è la città dalle mille contraddizioni, bellissima ma allo stesso tempo molto stressante!
    Federico

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione! Forse è anche per questo che ti rimane nel cuore.

      Elimina
  6. Io invece Andrea lavoro a Roma, e sono d'accordo con te su tutto, Roma purtroppo e' una città invivibile e fatta solo per i turisti.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, però quando entri GRATIS in una chiesa e vedi un quadro del Caravaggio o una scultura del Bernini dimentichi tutto. A Siena, Firenze e tante altre località d'arte in Italia o all'estero se vuoi vedere qualcosa devi pagare il biglietto! Purtroppo il traffico e la confusione ci penalizzano molto.

      Elimina
  7. Ciao Andrea, purtroppo quando si prende un mezzo pubblico tipo bus si rischia sempre di andare a finire chissà dove perché nelle nostre città italiane ci sono sempre lavori...... Che durano il doppio/ triplo del tempo! Comunque Roma è sempre Caput mundi ed io ne sono innamorata chissà quante storie ti avranno raccontato i tuoi nonni !!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da turista Roma è bellissima, ma viverci tutti i giorni è dura. Con i mezzi pubblici non sai mai quando arrivi e con la macchina, oltre al costo della benzina, impazzisci per trovare un parcheggio che magari è pure a pagamento! Baci

      Elimina
  8. Ciao Andrea,io Roma la conosco solo da turista,e la trovo bellissima.
    Pero' posso senz'altro capire il tuo disagio,poiche' anche a Londra il traffico e' un problema e muoversi puo' essere particolarmente frustrante.
    Pero',nel caso capitassi da queste parti,tutti i musei piu' importanti sono gratuiti,e sono una meraviglia!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che a Londra i musei sono gratuiti e questo è bellissimo per promuovere la cultura (che non guasta mai). Purtroppo a Roma manca una rete importante di metropolitane e quelle esistenti sono del tutto insufficienti. Ma d'altra parte siccome se scavi un buco trovi un sempre una casa, una villa o una strada romana, i tempi (ed i costi) di realizzazione inevitabilmente si dilatano a dismisura!

      Elimina
  9. Bellissimo questo racconto della tua giornata!
    Noi avremmo affrontato anche i vari disagi dei mezzi pubblici pur di trascorre alcuni giorni nella capitale!
    Ciao, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione: le bellezze incomparabili che ti offre la città ti fanno presto dimenticare qualche disagio! Il brutto viene quando ci lavori tutti i giorni... Ma io da pensionato ormai a Roma faccio il turista!

      Elimina
  10. Amo Roma e la frequento da circa 6 anni, perchè il mio fidanzato è di lì. Bellissima città, suggestiva, imponente, storica... ma non potrei mai viverci! Troppo caos, soprattutto se vieni da fuori Roma, la mattina quando devo riprendere il treno a Termini e lui mi porta all'Eur per prendere la metro ci mettiamo quasi un'ora ad arrivare! Quel traffico mi fa impazzire... ma come è bello passeggiare per il centro e godere di tutte le bellezze artistiche :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, hai colto nel segno! Come è bello passeggiare per il centro e com'è brutto se per lavoro o affari ti devi spostare da una parte all'altra della città: anche pochi km possono fare al differenza!

      Elimina
  11. Un post diverso dal solito eh?! Mi piace questa nuova "rubrica"! :D
    Ad ogni modo approvo al 100% quanto dici nel post.. Maledetto traffico romano! Odi et amo.. ecco a cosa penso quando vado a Roma con l'auto!
    Un caro saluto!

    pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Roma con l'auto? Ma sei matta? Bè, se la parcheggi in periferia e poi prosegui a piedi o con un mezzo pubblico va bene, se no tra parcometro e impazzimenti vari a Roma non ci ritorni più! Un bacio

      Elimina
  12. Ciao Andrea, grazie delle tue visite al mio blog e dei tuoi commenti, mi hanno fatto molto piacere. un po' ti invidio, tu che vivi nella capitale così piena di storia e di arte, anche se neppure Torino scherza. Ho visto dal tuo profilo che qualcosa abbiamo in comune, anche tu ti sei occupato di rifiuti, io ci convivo tutti i giorni da dieci anni facendo parte della segreteria dell'albo gestori ambientali della sezione del piemonte, praticamente l'ufficio che autorizza i trasporti di rifiuti in Italia e transfrontalieri. Poi come hai visto sul mio blog amo le piante e cucinare ed ho tante altre passioni che ceerco di coltivare nel poco tempo libero. ti aspetto per altre visite. buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti occupi di transfrontalieri allora al Ministero conoscerai Valeria S. di cui sono stato compagno di stanza per qualche tempo. Io in Regione avevo contatti con Agata M. Ma ormai è passato tutto nel dimenticatoio, ora penso ad altro e non mi annoio! Un abbraccio

      Elimina
    2. Al Ministero, conosco Eugemio O. e Anna S. mentre Agata M. la conosco da diversi anni, viene da noi almeno una volta al mese. Ma hai ragione tu, è meglio pensare ad altro.eh eh

      Elimina
    3. Eugenio e Anna erano 2 stanze dopo la mia. Ma chi se ne ricorda più, eh eh eh!

      Elimina
  13. Ciao Andrea, io sono scappata da Roma 7 anni fa ora vengo il fine settimana a fare la turista, mio marito povero invece tutti i giorni ma con lo scooter,i miei genitori che amano il bus come te sono disperati.
    Mi piace molto questo tuo post, Roma è una città piena di iniziative che si accavallano anche in modo disordinato e questo provoca confusione, ma Roma è sempre Roma fascinosa e piena di storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai lo scooter è l'unica ancora di salvezza per che si deve spostare. E sta diventando difficile anche il parcheggio delle moto! Proprio così: Roma, bella e impossibile! Un abbraccio

      Elimina
  14. Bellissimo post Andrea! io amo Roma follemente e sebbena riconosca i vari disagi non l'abbandonerei mai. Mi muovo tutti i giorni con i mezzi pubblici e ho imparato ad avere pazienza, mi piacerebbe avere un giorno a settimana da dedicarle completamente e mi sa che adotto la domenica proprio come te. La mostra di Tiziano è stupenda e anche io mi sono trovata benissimo con l'audio guida. Raccontaci altre curiosità §:D
    a presto
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dove abiti, ma spostarsi con i mezzi pubblici è una saggia decisione! Però l'aumento del 50% del prezzo del biglietto è parecchio penalizzante ed il servizio non è per niente migliorato, anzi! Un bacio

      Elimina
  15. Nata e cresciuta (per poco) in un paesino alle porte di Roma, ho sempre fatto di tutto per fuggire dal paese e venire in città.... e l'ho fatto molto presto!
    L'ho vissuta a lungo spostandomi con i mezzi pubblici, ed era un inferno!!!
    La vivo adesso spostandomi con macchina privata, ed è un inferno!!!
    A volte sento la necessità di prender fiato e corro al paese, ma una volta lì non vedo l'ora di tornare al mio "inferno"...
    Non potrei trasferirmi altrove, amo Roma.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Odio - Amore sono i sentimenti contrastanti che distinguono le persone che frequentano Roma: da una parte il fascino della Città Eterna, dall'altra una serie di inconvenienti e disservizi che ti rendono la vita impossibile. Io però credo che la vita dei romani potrebbe migliorare significativamente con una migliore e più efficiente organizzazione amministrativa: se i mezzi pubblici non vengono rinnovati e neanche regolarmente manutenzionati il servizio pubblico non può funzionare bene! Un abbraccio a te a un bacio al tuo topino

      Elimina