venerdì 3 maggio 2013

Minestra di Farro


La ricetta di oggi è di quelle che raramente penso di fare e che invece, nella sua semplicità, può dare piacevoli soddisfazioni.

cottura dei fagioli
Avevo lessato dei fagioli rossi da fare in insalata e mi era avanzata una discreta quantità di acqua di cottura molto saporita: insieme ai fagioli, infatti, avevo messo 2 foglie di alloro, una grossa costola di sedano, una carota, 2 spicchi d’aglio incamiciato, un pomodorino pachino e qualche grano di pepe nero (più un po’ di sale che ho aggiunto a fine cottura).

Ho pensato che buttare quel brodino sarebbe stato un peccato, e così l'ho utilizzato per fare una minestra con del farro biologico che avevo appena comprato.
Era la prima volta che usavo il farro ed ignoravo completamente le modalità di preparazione (eventuale ammollo, tempi di cottura, ecc.).
Poco male, basta leggere le istruzioni sulla confezione... Gira da una parte, gira dall'altra, sulla confezione c'è scritto che è Farro monococco (Triticum monococcum), biologico, di origine italiana; vengono inoltre indicate le caratteristiche nutrizionali, la scadenza ...e basta! Niente tempi di cottura, né eventuali trattamenti preliminari.
Pazienza, come al solito mi affiderò alla prova assaggio!

cottura del farro
Per 2 persone ho messo in una pentola 8 cucchiai di farro (circa 130 g), senza previo ammollo, e l'ho coperto con del brodo ancora molto caldo.
Ho lasciato bollire a fuoco moderato per circa mezz'ora, girando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno, fino a che il farro risultasse sufficientemente ammorbidito.

A me il farro piace poco brodoso ed ancora piuttosto duretto. Durante la cottura ho quindi aggiunto altro brodo, un mestolino per volta, per evitare che si asciugasse troppo, senza tuttavia affogarlo di liquido.
Ed ecco il mio buon piatto di minestra.

minestra di farro

Se piace, si può aggiungere mezzo cucchiaio di olio crudo ed anche del parmigiano; io però ho preferito una preparazione molto liscia e leggera che non alterasse troppo il sapore del brodo e non ho aggiunto né l'uno, né l'altro.

28 commenti:

  1. Ciao Andrea, mi sembra niente male la tua minestra ... se la rifai però dai un occhio qui ... questa ricetta è un capolavoro della tradizione toscana
    http://architettandoincucina.blogspot.it/2013/04/zuppa-di-farro-della-garfagnana-in.html
    è facilissima da fare ... so che ti piacerà!!!
    Non ci vuole neppure l'aglietto fresco!!!! Ah! Ah!Ah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come si fa a seguirvi tutte se sfornate decine (centinaia?) di ricette al giorno? Questa mi era sfuggita, ma la rifarò perché è troppo buona! E poi con sopra il rametto di rosmarino e senza l'aglietto fresco... ah ah ah!!!
      Ma la mia minestrina era solo un metodo veloce per non buttare il brodo nel lavandino!

      Elimina
  2. hai fatto bene Andrea! Non si spreca nulla!!!
    Buon we, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione, era buono e saporito e mi sembrava un peccato doverlo buttare via! Un abbraccio

      Elimina
  3. ottima minestra! sai come uso l'acqua di cottura dei fagioli?
    Ci frullo insieme 1 cucchiaiata di fagioli e la bevo tiepida per aperitivo, con i miei ospiti ha avuto un successone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, come aperitivo..., non ci credo! Però a pensarci bene deve essere buona oltre che insolita. Sai che ti dico? La prossima volta la provo!

      Elimina
  4. che bella idea quella di riciclare l'acqua di cottura, sicuramente ha dato molto sapore al farro: io uso molto i cereali, soprattutto quelli misti che si cuociono in 15 minuti, come il riso, ci faccio delle bellissime insalate fredde, dovresti provare, mentre io proverò questa minestra, quando faccio i fagioli lessi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E invece io uso poco i cereali, più che altro per pigrizia mentale perché mi piacciono. Ora che viene il caldo mi butterò sulle insalate fredde: aspetto già qualche ricettina sfiziosa!

      Elimina
  5. Un'idea sana e gustosa. Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovanna, in effetti non era niente male!

      Elimina
  6. purtroppo uso poco anche io i cereali proprio per pigrizia e pensare che una volta nel piatto faccio molti bis!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io con questa minestrina semplice semplice ho fatto il bis... e anche il tris! Ma perché la mangio raramente e invece è buonissima. Un caro saluto

      Elimina
  7. bravo Andrea mi piace ....ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cinzia, se vuoi te ne offro una cucchiaiata. A presto

      Elimina
  8. Risposte
    1. Sì, è molto semplice e soprattutto molto sana. I farro poi aggiunge qualcosa in più! Un caro saluto

      Elimina
  9. Ciao Andrea, ottima ricetta amo le zuppe di farro e legumi, le vedo molto invernali ma in realtà tiepide sono buonissime anche in questa stagione. Piacere di averti conosciuto, grazie del commento e della visita, da oggi ti seguo. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Celeste, grazie per essere passata qui, sono felicissimo di averti tra i miei lettori! A presto

      Elimina
  10. Andrea a me il farro piace tantissimo ma non posso mangiarlo ..... Comunque prenderò spunto per una minestra di legumi con i tuo co nsigli
    Buona domenica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ilaria, si può vivere bene anche senza farro e le minestre, come tu stessa suggerisci, si possono fare benissimo usando altri ingredienti! Un abbraccio

      Elimina
  11. Grazie caro Andrea per esserti unito al mio blog, mi ha fatto molto piacere visto che sono ancora agli inizi! Comunque ricambio il favore e ti faccio i complimenti per il tuo che oltre alle ricette e' ricco di consigli e curiosità'! Ciao Ale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento di avere anche te tra i miei lettori. Spero che con il tempo il tuo piccolo blog accresca di successo perché lo merita! Tanti auguri

      Elimina
  12. Anche io non ho molta dimestichezza con il farro perchè quando si tratta di scegliere finisco sempre per l'optare per l'orzo di cui sono ghiotta. Però ora mi hai fatto venir voglia di variare un pochino le mie abitudini ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io il farro lo mangiavo in insalata in un fast food quando lavoravo: mi piace perché rimane carnosetto e non si disfa sotto i denti. Ma allora la cucina era completamente fuori dei miei interessi e non ho mai pensato a chiedere come lo facevano.

      Elimina
  13. Ciao Andrea! Anche a me queste zupe rustiche piacciono moltissimo!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, io le faccio piuttosto raramente (sono più pastasciuttaro), e invece sono buonissime!

      Elimina
  14. Buona questa ricetta! mi piace molto il farro e nonostante le temperature si inizino ad alzare non abbandono mai le minestre!
    a presto!
    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora si possono fare queste minestre... hai visto che tempo? Non farà freddo, ma anche oggi piove a dirotto! Un bacio

      Elimina