domenica 16 febbraio 2014

Ma Renzi è affidabile?

Quello che sta succedendo in questi giorni nella politica italiana mi ha lasciato veramente sconcertato.
Renzi, che alle maggioritarie ha avuto un sostegno plebiscitario, ha sempre detto che avrebbe fatto il segretario del PD senza lasciare l’incarico di sindaco di Firenze. Quindi avrebbe mantenuto il doppio incarico, pensando che fare il segretario del partito più grande d’Italia non fosse così impegnativo (o che lui è così bravo da poter svolgere altrettanto bene entrambi i ruoli).

Poi da neosegretario ha ripetuto più volte che avrebbe lealmente sostenuto il governo Letta, almeno fino al termine del semestre di presidenza europeo, che spetta all’Italia a partire da giugno.

Ma alla Direzione del PD emerge la figura del rottamatore (demolition man, come viene definito dalla stampa straniera) e, dopo avere ipocritamente apprezzato il lavoro finora svolto da Letta, lo stronca inesorabilmente proponendo un nuovo percorso legislativo per uscire dalla palude, che consenta (ma guarda un po’!) di portare a compimento il cammino delle riforme già avviato e le proposte di riforma costituzionale riguardanti il Titolo V e la trasformazione del Senato della Repubblica.
Naturalmente, se assumerà la direzione del Governo lascerà la carica di sindaco.



Non ho nulla contro Renzi, anzi ne apprezzo la grande vitalità, un po’ meno la sua smisurata ambizione. Certamente, se vuoi governare devi essere molto ambizioso, ma questo Renzi che prima dice una cosa e poi ne fa un’altra mi ricorda tanto Berlusconi!
Per il momento ha fatto molto bene due cose che sono tipiche della sinistra italiana:
- è riuscito a far cadere il leader del suo stesso partito, senza che altri ne chiedessero espressamente la testa;
- è riuscito a resuscitare il più grande avversario del suo partito, nonostante pendesse su di lui una condanna definitiva per un reato infamante.

Da buon italiano incrocio le dita e aspetto i risultati!






36 commenti:

  1. No Renzi non è affidabile, Berlusconi è affidabilissimo ai servizi sociali (ma quando?) ed il nostro panorama scolorisce sempre di più. Gli unici affidabili siamo noi! Revolution???

    RispondiElimina
  2. Nessuno è affidabile purtroppo...

    RispondiElimina
  3. ormai chi è affidabile? tutti lo sono fino a che non hanno una sedia sotto il sedere e poi tutto svanisce. altro che speranza di cambiamento, ci vorrebbe la rivoluzione di chi ormai la speranza non sa più che cosa è

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è possibile che per cambiare si debba fare sempre la rivoluzione? Ma non c'è una via democratica per farlo 'sto benedetto cambiamento? Certo, con la legge elettorale che ancora ci ritroviamo, grazie a Calderoli e ai suoi amici, abbiamo poco da sperare!

      Elimina
  4. Renzi ha fatto scattare l'ultima fiducia da dare a un politico e quindi si spera e si sperava che non ci deludesse ... ma questa di avere cosi subito la poltrona da presidente del consiglio mi sembra un pò troppo azzardata non che deludente verso il popolo che hli ha dato fiducia per un partito ... e vero e un ragazzo molto ambizioso perchè essere sindaco e candidarsi al partito per cambiare il modo di ragionare (giovane) dove vi sono solo politici di una certa età non e da poco nonostante il primo tentativo fallito , ma poi si e reso conto che il popolo gli iniziava a dare fiducia per le sue idee costruttive .... ma il passo così veloce verso il presidente del consiglio la vedo dura nel nascere :-(
    secondo me e non solo secondo me lo faranno partire per poi stroncargli la carriera (perchè lui ha le sue idee ma se le sue idee non vanno bene agli oppositori non gli daranno mai il via)
    ce la farà..???!!??? e tutto da vedere ..... ma penso che poi alla fine quanto poi hanno una sedia bella tosta sotto il culo pensano solo per la sua tasca .. mi spiace dire questo ma fino a ora nessuno a risollevato il problema dei poveri cittadini italiani per arrivare a fine mese..
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo se fallisce anche lui (e la vedo molto dura) a farne le spese, come al solito, saremo sempre noi poveri italiani!

      Elimina
  5. Amico mio,un tempo i partiti erano ben definiti nella loro collocazione di rappresentanza e nelle loro logiche intenzioni.I politici erano persone preparate e pur nella loro diversità affidabili,solo per citare:Moro,Almirante e Berlinguer.
    Oggi l'ideologia politica è morta e sepolta,la sinistra e la destra si sono fuse al centro,guidate da avventurieri,bugiardi e truffaldini.Il partito della protesta (Lega) è morto e il movimento della speranza (M5s) propone solamente il pensiero dell'insulto urlato da un comico obeso.
    Renzi è un conclamato bugiardo,estraneo alla sinistra,ma ha successo perché,forse è il meno peggio e per la poca memoria degli italiani.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, forse è il meno peggio! Ma porca miseria, che cos'ha di così attraente quella benedetta poltrona? Anche il compassatissimo Prof. Monti, con la nomina di senatore a vita e la nomina a Presidente della Repubblica in tasca, ha preferito darsi alla politica, sperando di venire riconfermato. Ma il buon Renzi non poteva essere un po' più coerente con quanto strombazzato fino ad allora e aspettare almeno che passasse il semestre della presidenza europea? Questi giochini non sono di certo ben visti all'estero. E neanche dagli italiani!

      Elimina
    2. Una ragione c'è,il governo Letta era inviso a tutti o quasi.Era un governo dove si programmava molto ma si combinava poco e le maschine figure, come la richiesta di restituire parte dello stipendio,al corpo insegnante poi ritirata da parte dell'inconcludente Saccomanni,le telefonate della ministra Cancellieri ad una famiglia di indagati e carcerati e altre perle di inettitudine davano il PD sempre più in calo nelle preferenze degli italiani.
      Così il buon Renzi ha dato una accelerazione sperando di essere più concludente con una nuova squadra,cosa di cui io dubito assai.

      Elimina
  6. E' andato ospite dalla De Filippi, un anno fa, all'inizio del percorso (già scritto) che lo ha portato dove è oggi.
    E' andato ospite dalla De Filippi, ho detto tutto.
    Manco Silvio aveva fatto una cosa simile ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se di questo fatto si possa ridere, o invece c'è solo da piangere! Comunque, caro Moz, Io per natura sono ottimista e voglio proprio vedere come andrà a finire!

      Elimina
  7. Non so caro Andrea, io non riesco più a fidarmi di nessuno, mi sembra che tutti, dal primo all'ultimo non siano in grado di mantenere un proposito per più di una settimana, spero di sbagliarmi e che Renzi sia davvero una svolta ma purtroppo non ci credo affatto!!
    Revolution...subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io speravo in un svolta, ma non mi sembra questo il modo giusto! Revolution? Cui prodest?

      Elimina
    2. La svolta è sostituire i suoi "clientes" ai precedenti, rottamandoli. Non male no?

      Elimina
    3. Ma siamo sicuri che i nuovi 'clientes' siano migliori dei precedenti? Mah...!

      Elimina
    4. Infatti, sul piano qualitiativo non cambia nulla, ma per il clan che porterà al potere cambia tutto e non in peggio. Questo è il cambiamento di Renzi.

      Elimina
  8. Visto che Firenze, dove abito da sempre, è ormai una città abbandonata a se stessa, degradata, sporca, con negozi storici che chiudono e cinesi e kebab che spuntano come funghi... puoi capire che fiducia ho in Renzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questa tua testimonianza è la ciliegina sulla torta! Bella prospettiva!

      Elimina
  9. Sono cosi delusa ,e poco speranzosa ...ho sempre sperato in una bella svolta e invece finiamo nella fossa dei lupi dove tutti mangiano,rubano e le povere persone ormai si ammazzano perche' non sanno piu' come fronteggiare le spese !!!Anche qui a Ferrara proprio come dice Beatrice chiudono tantissime aziende e negozi e aprono capannoni pieni di cinesi ....riflettiamo gente ....riflettiamo ....un saluto caro Andrea che Dio ce la mandi buona!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai non ci resta che sperare! Anche se si dice che chi di speranza vive, disperato muore. Che Dio ce la mandi buona...!

      Elimina
  10. non sono d'accordo, sperare non è più un'opzione Andrea, mi sa che stavolta dovremmo anche muoverci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, anche perché non mi va di morire disperato (vedi risposta sopra). Ma prima vediamolo alla prova, e se sbaglia lo accoglieremo veramente coi forconi (come dice lui)!

      Elimina
  11. pienamente d'accordo! da oggi giudicherò i fatti, le parola hanno stancato!

    RispondiElimina
  12. Andrea, a me Renzi non piaceva da tempi insospettabili, ma quando vedo che la maggioranza la pensa diversamente da me, amo pensare che mi sto sbagliando... Il problema mi è nato proprio quando dopo aver detto che lui avrebbe fatto il presidente del consiglio solo con elezioni, dopo qualche tempo fa cadere il proprio governo. Per carità, non che Letta abbia fatto i fuochi d'artificio da poter far rimpiangere il suo governo, ma visto che le larghe intese rimangono non so quanti giochi pirotecnici potrà farci vedere anche lui.... Boh... nin zò
    Concordo pienamente sui due punti a conclusione del tuo post...
    un bascio e in bocca al lupo a te e a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh, anch'io nin zò! Ora pare che si stia rendendo conto che mettere su una nuova squadra di governo (ministri, sottosegretari) non è proprio un gioco da ragazzi. Però ci promette che farà una riforma al mese! Un'altra sirena che ci fa sognare? Sinceramente mi sono stancato di sentir dire che con il suo governo si riuscirà a cambiare l'Italia. Ma quante altre persone lo hanno già detto prima di lui?

      Elimina
  13. caro andrea la politica di questo nostro paese mi sconvolge ogni giorno di più !!!!! e sono seriamente demoralizzata.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io mi sento seriamente demoralizzato, però non bisogna mollare! Non andare alle elezioni per reazione alle ripetute delusioni è sicuramente un errore: se vai a votare, poi hai tutto il diritto di lamentarti!

      Elimina
  14. Ormai non nutro più speranze. L'ho fatto troppe volte riponendo la mia fiducia su chi avrebbe dovuto rappresentarci e difendere i nostri interessi. Ed ogni volta mi dicevo "Questo ha i numeri e l'entusiasmo per far risorgere questo malandato Paese" ed ogni volta venivo smentita da promesse non mantenute e da dinamiche politiche incomprensibili. E non credo che mai cambierà qualcosa, almeno in positivo.
    Grazie, Andrea.
    Un caro saluto
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più brutta è perdere la speranza. Ma d'altra parte gli inquilini dei palazzi della politica ce la mettono tutta a farcela perdere! Io cerco di resistere, non mi faccio illusioni, però adesso abbiamo un 39enne! Fusse che fusse la volta bbona?

      Elimina
  15. Carissimo Andrea, commento in ritardo...il nuovo governo, ormai già formato, e tutta la dinamica Letta/Renzi non mi sconcertano più di tanto perché non mi sono mai fidata di quest'ultimo. Io sono sempre stata di sinistra e ideologicamente lo sarò sempre, ho sperato che il PD potesse cambiare le cose ma ormai non ci credo più e già dalle ultime due elezioni ha perso il mio voto. Leggo il commento di Beatrice, fiorentina, e mi viene il magone. Che possiamo fare se non sperare in un miracolo? Voglio cercare di essere ottimista ma sai cosa mi preoccupa di più? Che si sta perdendo tantissimo tempo e il paese, al di là delle parole prive di contenuto blaterate da mesi, è sempre più sull'orlo di una catastrofe. Vorrei vedere gente nuova ma con un barlume di coscienza. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ros, ormai il governo si è insediato ed i commenti alla relazione programmatica di Renzi sono molto discordanti! Io dico che ha detto molte cose pienamente condivisibili; però non ha detto dove troverà i soldi per realizzarle (non credo che la cassa depositi e prestiti possa bastare). Staremo a vedere... Ma se fallisce, il governo successivo sarà fatto dai grillini ... e non mi sembra una bella prospettiva soprattutto a livello di democrazia!

      Elimina