sabato 22 marzo 2014

Zuppa di Farro e Fagiolina del Trasimeno con pistilli di zafferano

Dopo tantissimi giorni di assenza mi riaffaccio finalmente sul blog.
Per oltre 2 settimane ho avuto il computer in riparazione per vari malfunzionamenti; ora pare che tutto vada bene, ma per scaramanzia è meglio non dire niente.
Ho poi passato una settimana in Toscana, nei pressi di Cortona, per dare un po' d'aria alla vecchia (e mal messa) casa di mia moglie.
In uno dei miei giri turistici non ho mancato di fare un salto a Castiglione del Lago, dove ho nuovamente comprato la 'Fagiolina del Trasimeno', che è un legume tipico della zona intorno al lago, dove viene coltivato sin dall'epoca degli Etruschi.

Le proprietà di questo legume le ho già descritte in un mio precedente post (qui). Ricordo soltanto che questo caratteristico prodotto ha dimensioni più piccole dei comuni fagioli, ha un colore che varia dal bianco fino al nero ed ha qualità nutrizionali elevatissime. Avendo inoltre la buccia molto fine, non necessita di essere lasciata a bagno prima della cottura.




Dietro suggerimento della signora Alessandra, della Dispensa del lago, il negozio dove ho comprato questa fagiolina insieme a un barattolino di pistilli di zafferano, decido di preparare una zuppa di farro con fagiolina del Trasimeno e pistilli di zafferano.
Naturalmente per preparare questo tipico piatto umbro, anche gli altri ingredienti dovevano provenire da questa splendida regione. Ed infatti il farro era prodotto nei pressi di Foligno, mentre lo zafferano veniva da Città della Pieve. Come vino, infine, ho usato un Sangiovese dell'Umbria.



Anche il farro ha caratteristiche molto interessanti dal punto di vista nutrizionale, essendo povero di grassi ma ricco di fibre, vitamine e sali minerali. Ha inoltre importanti proprietà antiossidanti, che si oppongono alla formazione dei radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento della pelle e di diverse degenerazioni cellulari. 
Essendo relativamente povero di aminoacidi essenziali, è adatto ad essere combinato con i legumi per ottenere piatti unici non troppo calorici.

E ora veniamo alla preparazione, che ho voluto fosse strettamente vegetariana (e vegana).

Ho cominciato a fare un brodo vegetale, mettendo in una pentola un paio di carote spellate e due gambi di sedano tagliati a pezzi, una cipolla non tanto grande, uno spicchio d'aglio incamiciato, una foglia di alloro e qualche grano di pepe nero. Ho poi aggiunto nell'acqua un pomodorino Piccadilly.




Sciacquo in acqua corrente la fagiolina per eliminare le eventuali impurità e la verso nella pentola con gli odori.
Lascio sobollire tutto molto dolcemente tenendo la pentola quasi completamente coperta. Prima di terminare la cottura aggiungo un pugnetto di sale quindi, dopo neanche 40 minuti, spengo il fuoco.
Dal brodo recupero il sedano e la carota e butto tutti gli altri odori. Scolo poi la fagiolina, la metto in una insalatiera, mentre il brodo lo recupero per cuocerci il farro.

Per preparare il farro ho fatto dapprima un soffritto tagliando al coltello una cipolla piccola, un gambo di sedano ed un paio di carote.



Quando gli odori si sono ammorbiditi, aggiungo un pizzico di sale e 220 g di farro previamente sciacquato in acqua corrente per eliminare eventuali impurezze.
Lo lascio tostare per qualche minuto nel soffritto e poi lo copro con il brodo vegetale; aggiungo quindi qualche mestolata di fagiolina lessa ed un altro po' di legumi che ho schiacciato con una forchetta per ricavarne una sorta di purea.



Cuocio il farro insieme alla fagiolina per oltre 45 minuti, tenendo il tegame quasi completamente coperto e girando di tanto in tanto, finché il farro risulti abbastanza ammorbidito e la zuppa abbia assunto la giusta densità.
Verso quindi la zuppa in un piatto fondo, la insaporisco con un paio di ciuffetti di rosmarino, un poco di pepe tritato espressamente al mulinello, una girata di olio extravergine ed infine un bel pizzico di pistilli di zafferano.
Per completare il piatto ho infine aggiunto un paio di fette tostate di pane casareccio non salato.


Zuppa di farro e fagiolina del Trasimeno con zafferano

Nota
La fagiolina avanzata è stata utilizzata come insalata, insieme alle carote recuperate dal brodo vegetale e ridotte a cubettini. L'insalata è stata poi condita con un poco di pepe nero ed olio extravergine di ottima qualità.


Insalata di fagiolina del Trasimeno








44 commenti:

  1. Deve essere stata buonissima sta zucca.. con prodotti genuini umbri!!!!!!! non conosco quella fagiolina.. ma amando i legumi.. credo mi piacerebbe senz'altro! buona serata e bentornato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macché zucca, sono fagioli!!! Se ami i legumi, questa è imperdibile. Se capiti dalle parti del Trasimeno non dimenticare di comprarla. A presto, carissima!

      Elimina
  2. Wao, Andrè... chi si risente! :)
    E torni in pista con una ricetta che... ora che sta tornando il fresco dopo l'assaggio di primavera, ci sta da dio! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che tornerà il freddo, questa zuppa non ci sta niente male! Ciao

      Elimina
  3. Davvero bella compiuta questa zuppa. La fagiolina proprio non la conoscevo e mi sembra carina assai. Bisognerà che la provi, se mi capita di passare sul Trasimeno. Il vegetarian di famiglia sta diventando vegan? Quanto al brodo, la cipolla in genere la taglio fine e ce la lascio con il resto, piuttosto che eliminarla.
    In bocca al lupo per il pc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, il vegetarian non sta diventando vegan (per mia fortuna). A me la cipolla piace poco o niente, così ho preferito lasciarla intera per poterla eliminare facilmente a fine cottura del brodo. Ma poi l'ho messa, tagliata fina fina, nel tegame dove ho cotto il farro. Il pc per il momento va bene (incrociamo le dita). Ciao, e grazie di tutto

      Elimina
  4. Buonasera Andrea e ben ritrovato! I tuoi post sono sempre tanto istruttivi e interessanti...Questo legume non lo conoscevo e sono proprio curiosa di provarlo. Chissà se si trova in commercio in Abruzzo? La tua zuppa è meravigliosa...un piatto unico nutriente e squisito! Buon fine settimana e a presto, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo temo che questa fagiolina sia difficilmente reperibile al di fuori dell'Umbria; però non è detto. La zuppa avanzata l'ho rimangiata stasera a cena ed era più buona di prima! Ciao

      Elimina
  5. Bravissimo Andrea! Un ottima interpretazione. ..e poi fantastico che con una preparazione hai ricavato due piatti! Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra, mi fa tanto piacere sentirti! E sono anche molto contento di avere usato al meglio i tuoi prodotti! A presto

      Elimina
  6. Bravissimo Andrea! Un ottima interpretazione. ..e poi fantastico che con una preparazione hai ricavato due piatti! Complimenti!

    RispondiElimina
  7. Finalmenteeeee sai che sono anche passata a vedere se per caso mi ero persa un tuo post perche' non ti sentivo da tanto!!!ti perdono solo per il piatto che adoro!!! aaaahhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No cara Cinzia, non mi hai più sentito perché per qualche tempo sono stato lontano dal blog. Ma sono felicissimo di aver ritrovato intatta l'amicizia e la stima di tutti voi! Un abbraccio affettuosissimo

      Elimina
  8. la fagiolina del Trasimeno come vorrei gustarla di nuovo. Bisognerà che trovo la ditta chge spedisce mi manca è una bontà infinta. Bella ricetta io la preferisco come la fanno loro solo fagiolina ecc in zuppa . Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edvige, prova a contattare Alessandra Tonietto che ha commentato questo post poco sopra. Fammi sapere. Un abbraccio

      Elimina
    2. Ok grazie vado buona domenica

      Elimina
    3. Io Alessandra la trovo su google plus ma non sono iscritta quindi non posso raggiungerla, idem per FB non sono collegata con lei e il sito degli alimenti mi da solo l'indirizzo ma non un collegamento è una pagina di pubblicità. Se hai qualche mail o altro se non è problema mandamela via messaggio privato. Grazie

      Elimina
  9. Bentornato su questi schermi Andrea!!!! Le tue ricette mi sono mancate e questa zuppa è semplicemente divina! Mi ricorda molto quelle che ho mangiato in Garfagnana con dei prodotti tipici eccellenti! Quando recapiti in Toscana fammi un fischio e ricorda che la mia panetteria/gelateria è sempre aperta x te e tua moglie :-D
    Buona domenica e speriamo a presto ^_*
    la zia cOnsu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara zia Consu! Non ho in programma un viaggio nelle zone di Viareggio, ma se dovesse capitarmi, un gelato fatto da te lo prenderei mooolto volentieri! Un caro abbraccio

      Elimina
  10. Ciao.
    Amo le zuppe e spesso le preparo.
    Felice domenica,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono molto. Questa è speciale! Ciao, e buona domenica anche a te

      Elimina
  11. Ma che ricetta originale mio caro, la copierò senz'altro sperando di non far pasticci, adoro il farro, la segale ,l'orzo , il granturco..e tutte le zuppe ..questa poi mi intriga non poco..
    Scusa se mi permetto perchè non ricordo l'avatar..
    Sei iscritto a http://rockmusicspace.blogspot.it/?
    Mi sembra di si, e te ne sono tanto grata..ma se così non fosse , mi vuoi regalare un sorriso?
    Allora fallo!
    Buona domenica e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, mi puoi vedere tra i lettori del tuo sito con le sembianze di Spiderman. Per me è un piacere leggerti. Un abbraccio

      Elimina
    2. Grazie grazie grazie ed ancora grazie delizioso Andrea!

      Elimina
  12. Ciao Andrea,
    bentornato!!! mi sono chiesta più volte che fine avessi fatto. Ecco svelato l'arcano. Dai, per fortuna non era un motivo grave ;)
    Questa ricetta è deliziosa, io amo il farro (buonissimo) anche se non posso mangiarlo però posso sostituirlo con qualche altra cosa :D
    buona domenica a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, è un piacere risentirti! Ora il computer non mi da più le schermate blu, rimane soltanto una forte instabilità dei browsers che si bloccano spesso e non mi consentono di navigare regolarmente. Bò, di questo non so a chi dare la colpa! Baci

      Elimina
  13. Buonissima questa zuppa!! Non conosco questo legume, qui da me non l'ho mai visto! Cercherò meglio, mi piacciono da matti i legumi e non me li voglio perdere!!
    Buona Domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che sarà difficile trovare questa fagiolina fuori zona: la produzione è molto limitata ed è poco diffusa fuori dell'Umbria. A presto

      Elimina
  14. Quanto mi piacciono queste ricette! La Fagiolina del Trasimeno è eccezionale! Da me non si trova peccato… Sono bio? Comunque questo piatto è davvero fantastico complimenti! Ciao Andrea a presto
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se è bio, ma la fagiolina è stata inserita tra i Presidi Slow Food come prodotto unico ed irripetibile. Inoltre c'è il “Consorzio Fagiolina del Trasimeno” che ha il compito di tutelare ed esercitare un’attività di vigilanza sulla produzione e sul commercio del prodotto, al fine di garantirne la qualità al consumatore, nel totale rispetto del Disciplinare di Produzione. Credo quindi che la qualità di questo legume sia ampiamente garantita.

      Elimina
  15. Ciao Andrea! Anch'io non conoscevo la Fagiolina del Trasimeno...beata ignoranza! Complimenti per le tue spiegazioni esaurienti e la splendida ricetta!

    Colgo l'occasione per invitarti a partecipare al mio nuovo contest: Ricette Regionali. Se ti va di partecipare con qualche ricetta della tradizione mi farebbe molto piacere! Questo è il link:
    http://kucinadikiara.blogspot.it/2014/03/il-mio-nuovo-contest-ricette-regionali.html
    Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Fagiolina è poco conosciuta perché ha una bassa produttività ed è diffusa giusto nelle zone intorno al Trasimeno.
      Riguardo al tuo nuovo contest, io partecipo solo alle sfide mensili dell'MTC ed evito di partecipare ad altri contest. Però per te potrei fare un'eccezione... staremo a vedere! Un abbraccio

      Elimina
  16. Conosco bene sia la zona di Cortona che il Trasimeno, son luoghi bellissimi! Non conoscevo però la fagiolina, appena potrò cercherò di procurarmela! Un abbraccio e buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono zone molto belle ed hanno anche una buona cucina a prezzi ragionevoli. La fagiolina è poco conosciuta perché la produzione è limitata soltanto ai terreni in prossimità del lago. Baci

      Elimina
  17. Castiglione del Lago mi è rimasta nel cuore. Ma non avevo mai sentito parlare della fagiolina del Trasimeno. Mi incuriosisce parecchio! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere una buona scusa per ritornarci, no? Un bacio

      Elimina
  18. Andrea, la prossima ricetta la prepari senza glutine, così posso provarla anche io?
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mannaggia, ho pensato ai vegetariani/ vegani e non ai celiaci! Però potresti lasciare tutto inalterato e sostituire il farro con il riso; naturalmente niente fette di pane tostato, ma non è una gran perdita! Ciao

      Elimina
  19. Non conoscevo questo legume, ma ora....cerco subito la fagiolina .-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per trovarla dovrai andare a Castiglione del Lago (PG), o in qualche altro borgo nei dintorni del Trasimeno. Purtroppo la produzione è molto limitata ed è difficile da trovare fuori zona. Un abbraccio

      Elimina
  20. Meno male che non sono l'unica ignorante sul fronte "fagiolina" :-). Io adoro le zuppe e le minestre di legumi e verdure, è un'ottima ricetta, grazie mille, carissimo Andrea!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Ros, se non vai nei paesi che si affacciano sul Trasimeno questa fagiolina non la vedrai mai! Però una buona zuppa si può fare anche con altri legumi. Un bacione anche a te

      Elimina
  21. una fantastica ricetta vegetariana, da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che ti piaccia! Ciao, a presto

      Elimina