sabato 19 marzo 2016

Zuppa di pesce alla mia maniera

Approfitto del consueto appuntamento dell'MTC per riprendere a scrivere sul blog dopo un periodo piuttosto prolungato di assenza.
In questo periodo sono stato poco bene a causa di uno stato di malessere generale che, oltre alla febbre, mi ha procurato anche una gran fiacca ed un fastidiosissimo senso di inappetenza.
Ora mi sento un po' meglio e mi è venuta voglia di rompere questo stato di torpore e di dedicarmi alla sfida dell'MTC.
Questo mese il terzo giudice è la bravissima Anna Maria Pellegrino del blog la cucina di qb che, in qualità di vincitrice della sfida precedente, ci propone il brodetto di pesce.

A me il pesce piace moltissimo, ma non altrettanto posso dire di mia madre che invece lo amava poco. Di conseguenza in casa l’ho visto cucinare piuttosto raramente e mi mancano le conoscenze fondamentali, fatte di ricordi e sensazioni anche visive. Mi manca cioè il background, il retroterra, ovvero la ‘cultura’ della cucina marinara.

La sfida di questo mese è quindi per me un'ottima occasione per provare a fare per la prima volta una zuppa di pesce, mettendo a frutto i consigli del mio pescivendolo e seguendo l'istinto che spesso mi guida in cucina.




Questa ricetta si ispira alla cucina laziale, ma con probabili variazioni dettate dal mio modo di operare, diretta conseguenza della mia limitata esperienza in questo tipo di preparazione.
Il pescato è stato catturato nei pressi dell'Isola di Ponza.

Per 3-4 persone sono stati usati:
  • 1 scorfano;
  • 3 totani;
  • 2 pezzi di rana pescatrice;
  • Pannocchie;
  • Mazzancolle;
  • 1 kg di cozze e di vongole.
 Dal pescivendolo faccio pulire e preparare per l'uso tutti i pesci.

Con lo scorfano, eviscerato e squamato, preparo il brodo, aggiungendo nell'acqua fredda anche una carota ed un gambo di sedano fatti a pezzi.





Aggiungo quindi un pugnetto di sale e faccio cuocere per circa mezz'ora.
Quando lo scorfano è pronto, separo la testa e le lische dalla polpa, che metto da parte, mentre le spine le ributto nel brodo. Quindi filtro tutto e tengo caldo sul fuoco.

In una capiente pentola vado quindi a preparare un soffritto con carote, sedano, un grosso porro e 2 bacche intere di peperoncino prelavate dal mio vaso.



Appena le verdure cominciano ad ammorbidirsi unisco i totani ridotti a pezzi. Salo e faccio ritirare i liquidi a fuoco vivace, quindi verso un bel bicchiere di vino bianco che faccio sfumare. Aggiungo un paio di mestoli di brodo e cuocio per una ventina di minuti.




Incorporo quindi 220 g di polpa di pomodoro e, poco dopo, le pannocchie e le mazzancolle.
Continuo a cuocere, senza mai mescolare, per una decina di minuti, quindi aggiungo la rana pescatrice ridotta a pezzi.

Man mano che procede la cottura aggiungo qualche mestolo di brodo in modo che la zuppa rimanga sempre molto umida.
Per ultimo unisco le cozze e le vongole che faccio aprire a fuoco basso e pentola coperta, cuocendo ancora per una quindicina di minuti.
Negli ultimi 5 minuti unisco la polpa di scorfano che avevo tenuto da parte.

Come accompagnamento, dispongo sul fondo e sui bordi del piatto qualche fetta di pane casareccio tostato.


Per favorire l'equilibrio dei sapori di mare, risultati molto intensi e decisi, ho preferito non aggiungere prezzemolo, né pepe, né altri tipi di spezie, all'infuori del mio peperoncino.

Con questa ricetta partecipo alla sfida n. 55 dell'MTChallenge









34 commenti:

  1. E che meraviglioso piatto hai creato!! Adoro le zuppe di pesce, questa è davvero deliziosa, sapore di mare al 100% , bravo!!
    Buona Domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Silvia, questa zuppa ha sorpreso me per primo: mentre la mangiavo mi sembrava di stare su una barca in mezzo al mare!

      Elimina
  2. Ciao Andrea!! Bentornato! In realtà anche io sono mancata per diversi mesi causa lavoro...ora ho deciso di dedicarmi più tempo, perciò rieccomi a farti i complimenti. Spero tu stia meglio per continuare a deliziarci!! I tuoi piatti sono sempre super invitanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, cara amica! Per un motivo o per un altro, il tempo da dedicare al blog diventa sempre più risicato, ma cerco comunque di assicurare un minimo di presenza! Un abbraccio

      Elimina
  3. E GRAZIE A QUESTA SFIDA ALLORA, TE LA SEI CAVATO EGREGIAMENTE, MI VIEN VOGLIA DI ASSAGGIARLO!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai partecipare a queste strane sfide è diventato per me un motivo di piacere: se non c'era l'MTC forse la zuppa di pesce non l'avrei mai fatta!

      Elimina
  4. carissimo Andrea innanzitutto spero tu ti sia rimesso, anche io in questo periodo soffro di debolezza estrema che sopperisco con iniezioni di vitamina B. Ma ora andiamo in cucina, menomale che non hai background e esperienze di cucina marinara, questa tua zuppa è veramente super invitante e hai fatto benissimo ad aggiungere solo il piccantino e nulla di altro! Hai commesso solo un errore: non invitarmi! Un bacione Helga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che più mi da fastidio in questo periodo è l'inappetenza: non ci sono abituato perché in tempi normali la voglia di mangiare è una caratteristica che mi accompagna sempre. Però questa zuppa di pesce mi ha dato una grande soddisfazione e l'ho mangiata molto volentieri. Dividere la mia tavola con te sarebbe stato un motivo di grande piacere! A presto carissima

      Elimina
  5. Mi fa davvero piacere apprendere che tu stia meglio e questo brodeto è la fine del mondo e rimette proprio al mondo :-)
    Complimenti Andrea e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione, con questo brodetto non ho avuto problemi e me lo sono gustato con gran piacere! Un abbraccio

      Elimina
  6. Risposte
    1. Sembrava di aver messo il mare nel piatto!

      Elimina
  7. Una sfida vincente, senza dubbio.
    Quanto mi piacciono questi 'brodetti! Lo proverò senz'altro.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cristiana, la sfida è stata soprattutto contro me stesso che era la prima volta che facevo un piatto simile! Però il risultato è stato eccellente!

      Elimina
  8. Qui ci vuole tanto pane. Che bontà. Bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì con tutto quel buon sughetto...!

      Elimina
  9. Complimenti davvero per questa zuppa.. deve essere molto buona!!! Miraccomando riprenditi bene.. A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era buonissima: sapori decisi ma molto equilibrati! Riguardo alla salute, ora mi è tornato un po' di appetito, vuol dire che mi sto riprendendo! Un abbraccio

      Elimina
  10. L'Mtc e' oltre che una grande scuola per me che sono arrivata da soli 3 mesi, anche un modo per mettermi in contatto con blogger nuovi, di spessore, come te che con questa zuppa mi hai dato la sensazione come di sentirne il profumo solo a chiudere gli occhi. Bravissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valentina, ti ringrazio per l'apprezzamento! Io ho cominciato quest'avventura partendo praticamente da zero, ma ci ho messo tanta passione come adesso stai facendo tu. E l'MTC è una scuola sui generis che aiuta molto! Un abbraccio

      Elimina
  11. Guarda caro Andrea, anch'io sono una poco amante del pesce, anche se in questi ultimi tempi lo amo di più...
    Ma questa tua zuppa...sai che mi sembra di sentirne persino l'odore..meravigliosa...
    Un applauso a scena aperta..
    Abbraccione goloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Nella, ti assicuro che il profumo di mare non mancava! Un caro abbraccio

      Elimina
  12. Caro Andrea, anche tu come me in questa sfida sei andato "a sentimento". Non è facile per chi non ha una cultura marinara, affrontare un piatto semplice quanto complesso come il brodetto, ma leggendo la tua ricetta mi rendo conto che a te è bastato seguire il tuo palato per ottenere un risultato splendido. Credo che dovresti cimentarti più spesso con questa materia perché ti è congeniale. Bravissimo. Un caro abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, prima di cominciare avevo un sacco di dubbi, poi ho deciso che bastava fare un piatto semplice ma stando attenti a rispettare le giuste sequenze ed i giusti tempi di cottura. Il risultato è andato al di là di ogni aspettativa! Un abbraccio carissimo

      Elimina
  13. Che meraviglia! Anche io non mi sono mai cimentata nella zuppa di pesce... Che questa sia la volta buona? Complimenti e in bocca al lupo per l'MTChallange!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, la zuppa di pesce è uno di quei piatti che normalmente si mangiano al ristorante, ma farla a casa ti dà tutta un'altra soddisfazione!

      Elimina
  14. Una gustosissima zuppa Andrea, perfetta per per questa settimana Santa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente molto gustosa, non credevo! Auguri

      Elimina
  15. Zuppa strepitosa Andrea ...sei bravissimo come sempre!!Auguri mio caro di cuore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti cari auguri anche a te, carissima Cinzia, e alla tua bella famiglia!

      Elimina
  16. Mamma che bella, immagino sia deliziosa!
    Buona pasqua!
    A presto,
    Ale
    http://www.golosedelizie.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Ale, era veramente deliziosa)! Tanti auguri anche a te

      Elimina
  17. Sono felice che il ripristino delle forze (purtroppo accadono periodi più o meno lunghi tanto faticosi e sfiancanti) sia coinciso con il desiderio di cimentarti con la sfida di questo mese. Sfida che hai raccolto e svolto egregiamente, vista l'introduzione in cui anticipi la mancanza di ricordi familiari in tal senso. Potrebbe essere un'idea iniziare da questo post, la madre di tutte le zuppe! Grazie di aver condiviso la tua proposta con noi. Anna Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Anna Maria, questa è la mia prima zuppa, ma visti i risultati credo che ne seguiranno altre sicuramente altrettanto appetitose! Grazie a te per questa bella proposta, è stato un piacere condividerla!

      Elimina